Associazione dei Comuni
del Generoso

Rovio, 1636-1713

Oratorio di S. Maria Assunta, affresco.

Pittore, figlio di Tommaso Carlone. Non si sa dove abbia svolto la sua formazione ma è probabile che sia avvenuta a Genova, dove il padre Tommaso lavorò per numerosi anni.
Nel 1660 è documentato a Torino, dove lavora nel Palazzo Reale e dove assume l’impegno di terminare le opere incompiute dal padre. Rimane a Torino per circa un quindicennio, fino a quando la sua fama inizia a declinare e torna quindi a Rovio dove inizia a dipingere gli affreschi per l’Oratorio di S. Maria Assunta, completati solo nel 1699.
Nel 1685 affresca la cappella di S. Antonio da Padova nella Chiesa parrocchiale di Gandria.
Durante questi anni è attivo anche in Austria e in Bassa Baviera.
Nel 1695 esegue affreschi nel coro della distrutta Chiesa di S. Maria Incoronata a Lugano, che era annessa all’ospedale di S. Maria.
A partire dal 1698 si stabilisce definitivamente a Rovio.

Opere in RVM e dintorni